Viata de dincolo de politica

ONM: Ce mai ziceti? Cum mai merg lucrurile?Ce se mai aude pe aici, pe la voi prin salon?
Laurentiu: Sincer, foarte greu. Cel putin in ceea ce ma priveste. Ne descurcam din ce in ce mai greu acasa…Criza asta a lovit din plin. Bine, nici inainte nu era mai bine. Tatal meu, de exemplu a fost mecanic auto si dupa 43 de ani de munca are o pensie de 550 de lei. Mama nu are nici macar pensie. A stat acasa cu noi…nu areusit sa isi faca o cariera.
Madalin: Pai si tata… parca o duce mai bine…e salariat cu 570 de lei pe luna. Mai avea vreo 20 de bonuri de masa care erau de ceva ajutor. Acum le-a pierdut si pe acelea. Nu stiu ce sa zic…Imi cer ajutorul. Eu muncesc de dimineata pana seara, dar nici eu nu ma descurc prea bine. Mai ales ca prietena mea e insarcinata acum…ma gandesc tot mai mult sa plec din tara. Altfel chiar nu o sa ma mai pot descurca.
Laurentiu: Sa vedem acum … Poate se mai schimba lucrurile cu noul presedinte.
Madalin: Sper. Mi-as dori de la noul presedinte sa dea posibilitatea tinerilor sa-si cumpere o casa. Sa faca un program ceva…
Laurentiu: Pai acum..ei au facut programul acela Prima Casa, dar nu e de niciun folos. Cine sa-si permita sa-si cumpere o casa in conditiile date de ei? Pot eu sa economisesc suma enorma care iti trebuie pentru avans? Nu pot, ca altfel as tot economisi si n-as mai lua credit. Plus ca …cine imi pune mie 800 de euro pe cartea de munca asa incat sa pot sa indeplinesc conditiile pentru credit? Eu stiu de la mama cand imi povestea. Domnule, inainte, cand terminai facultatea erai intrebat daca vrei sa-ti formezi o familie. Si daca voiai iti dadeau posibilitatea sa ai o casa.
Madalin: Adevarat. Eu nu vreau sa-mi dea statul casa pe degeaba. Eu vreau sa muncesc, dar sa nu-si bata nimeni joc de munca mea. Daca tot muncesc sa am macar speranta ca intr-o zi sa pot avea casa mea.
ONM: Mai aveti incredere in candidatii pentru alegerile de acum?
Laurentiu: Unii vor doar sa faca pe seriosii. Ce sa zicem, de exemplu, de bataia de joc a lui Oprescu. A pus un ceas de aur in centru in loc sa se ocupe de facilitatile la tramvai pentru persoanele cu dizabilitati. De parca i-ar ajuta ceasul sa se urce in tramvai…
Madalin: E foarte greu sa mai avem incredere in politicieni. Chiar si in cei tineri. Cand vad un politician ca ca promite ceva la televizor, schimb canalul. Multi dintre ei sunt atat de parsivi…Eu, sincer, l-as vota pe Geoana pentru ca vad in el un candidat care se preocupa foarte mult de tineri. Numai tu, Oana, cate mi-ai povestit despre tinerii de care e inconjurat mereu…
Laurentiu: Mi-as dori ca noul presedinte sa incerce sa miste ceva in tara asta. Poate isi mai revin lucrurile…
Madalin: Avem o tara frumoasa. Pacat ca nu putem ajunge la ea, nu ne putem dezvolta personal….

Aceasta este Romania reala

Discutia redata mai sus a avut loc sambata si se poarta intre mine si doi hairstylisti. Doi profesionisti extraordinari care se gandesc serios sa paraseasca tara pentru ca nu mai pot duce o viata normala. Ce mult mi-as dori sa-I pot ajuta, mai ales ca îi apreciez enorm pentru munca lor! Din pacate, opiniile lor reflecta gandurile si opiniile multor tineri din Romania. Pentru ei ar trebui ca noi, tinerii politicieni, sa ne unim si sa-I ajutam. Nu putem sa-I lasam pe tineri sa plece pentru ca nu mai pot trai decent! Personal, pregatesc deja un proiect legislativ in acest sens si voi reveni cu detalii chiar aici pe blog.

Anunțuri

11 răspunsuri to “Viata de dincolo de politica”

  1. otrava Says:

    am facut un livetext FOTO la confruntarea din seara asta. va invit sa edeti cum a iesit! antonescu a castigat seara asta! http://bloguluotrava.blogspot.com/

  2. agentiedemodelingcluj.wordpress.com Says:

    https://agentiedemodelingcluj.wordpress.com

    Eu zic ca in afara politicii e cazul de modeling.Oana tu esti pe locul 1

  3. Robygreen Says:

    Oana, comentarii despre ziua de ieri?

  4. loredana Says:

    acum eu nu am drept de vot dar mi-as dori ca la urmatoarele alegeri cand voi putea vota sa votez pe un candidat pt ca cred in el ,pt ca il respect,pt ca am certitudinea ca va face tot ce poate pt a fi mai bine si nu pt ca nu il doresc pe altul si el este optiunea pt a nu iesi cel pe care nu-l doresc.multi cred ca vor face asa acum,vor vota cu domnul geoana pt ca nul mai vor pe basescu.si cu siguranta geoana va fi noul presedinte,nu am nici o indoiala ,depinde doar de el sa demonstreze in cei 5 ani ca a meritat votul si ca generatia mea care atunci va iesi la vot are pt ce sa il voteze din nou.

    Doamna Oana ,dupa alegeri,sper sa reluam discutia despre proiect si sa reusim sa-l facem sa devina realitate astfel vom intelege mai bine cum se vede romania prin ochii tinerilor si vom avea o parere despre viitorul acestei tari…caci tinerii reprezinta acest viitor.
    Poate va intrebati de ce ma incapatanez sa cred in acest proiect…pentru ca ma incapatanez sa cred ca romania mai poate sa devina tara in care vreau sa cresc.

  5. homer Says:

    MAAT (HAC)zeita ADEVARULUI si a DREPTATII spune:
    Comentariul dumneavoastră aşteaptă să fie moderat
    27 Noiembrie, 2009 la 12:15

    MOFTANGIUL MORAL!
    SCENA COPILULUI VENIT CU MAMA SA la un miting in Ploiesti tinut in anul 2004 PENTRU A INMANA UN MEMORIU (despre evacuarea nedreapta e )lui Basescu -candidat la PREZIDENTIALELE ,este evidenta “.NU IMI DAU SEAMA,GREU D4 SPUS,M-A INJURAT.VAD UN COPIL CARE RADE DUPA CE SE DA INAPOI!”NICIODATA,NU MI-AM LOVIT SOTIA,COPII!
    Caseta nu a aparut pana cu

  6. homer Says:

    DE CE BASESCU A SPUS MASS-MEDIEI CA ISI VA SPUNE PUNCTUL DE VEDERE A DOUA ZI ?PENTRU A AVEA TIMP CA MAFIA LUI SA LUCREZE DIN TOATE PUNCTELE DE VEDERE!
    Pentru ca petenta a scapat de jandarmii care nu permiteau ajungerea la PRESEDINTELE BASESCU,cand petenta si –a expus intr-o fraza doleantele din MEMORIU,in acelasi timp s-a auzit galeria P.D.L.-ista care a inceput scandarea BASESCU,BASESCU!!! –pentru a acoperii sustinerile petetentei! PDl-ul nu este nici un partid democrat si nici un partid liberal!PDl-ul este partidul imbogatitilor prin coruptie,si spolierea membrilor societatii -care nu au apartenenta politica -!!! In loc sa strige cum i s-a spus“Traiasca BASESCU”,copilul a strigat “Traiasca ILESCU”!= Acestea sunt cuvintele urate de care vorbeste Roberta Anastase.Copilul tinea minte de la parintii sai,ca in mandatul al doilea al lui Iliescu,cu totii au trait mai bine.
    Pentru ca Basescu a vazut comentariile mele transmise in media,sau facut presiuni ,amenintari asupra minorului care au determinat schimbarea sutinerilor celui agresat!
    {Ce au scris cititorii MAAT(ZEITA ADEVARULUI SI A DREPTATII:
    Vineri 27 noiembrie 2009, 14:47
    [Este normal sa incerci sa surprinzi dintr-un unghi favorabil ceva(miscarea bratului agresor acoperit prin aducerea mai langa el ,a petentei ) ce nu se vedea deplin din cauza vicleniei agresorului,Aceasta (FREIMURI)tine de tehnica fotografului,nealterand fondul(ce a fost mascat prin cunoscuta expresie”a luat fata” pusa in practica de catre AGRESOR),ci dimpotriva,punandu-l mai bine in evidenta ! – ORICINE POATE VEDEA CA INAINTE DE A O TRAGE DE MANA PE PETENTA,BASESCU S-A UITAT LA TELEOBIECTIVUL DIN FATA(PE LANGA CARE ERAU FORTE DE ORDINE)PENTRU A OBSERVA DISTANTA DE FOCALIZARE,SI A STII CE DISTANTA TREBUIE SA O MISTE PE PETENTA-PENTRU A NU SE VEDEA LOVITURA BASESCIANA! APOI, PENTRU A ABATE ATENTIA PUBLICULUI , A PETENTEI DISPERATE,DAR SI A COPILULUI PE CARE VROIA SA L LOVEASCA IN PLIN,SE FACE CA DA MICROFONUL ACELEI PERSOANE DIN MANA STANGA ..SIMULTAN SIMULEAZA CA VREA SA DEA MANA CU MAMA DISPERATA,APOI I-A PRINS MANA MAMEI ,O TRAGE LA EL-INCERCAND SA ACOPERE SPATIUL VIZUAL AL UNEI PERSOANE CARE FILMA SI DIN FATA LUI BASESCU!PENTRU CA LOVITURA SA FIE PUTERNICA A TRAS MULT IN DREAPTA MANA MAMEI ,DANDU-I DRUMUL MAINII-CARE S-A DUS DIRECT IN MINORUL AGRESAT VIOLENT!Elanul deternminat de ducerea mainii petentei ,era necesar pentru ca lovitura sa fie mai puternica,fata de cel care a avut curajul sa spuna de la microfon publicului simpatizant P.D.L. -sa nu il votaeze pe BASESCU.
    Inainte de a lovi ,Basescu a ochit obiectivul,CROSEUL DE DREAPTA A LOVIT TINTA SI LA DESTABILIZAT PE copilul CARE NU A VRUT SA II DEA SATISFACTIE AGRESORULUI,Iin sensul ca A REUSIT SA STEA PE PICIOARE-IN URMA brutalei LOVITURI,mimica agresatului parca spunand parka :”n-ai reusit sa ma dai jos “!
    COPILUL LOVIT A RAMAS DEMN IN PICIOARE! ACEST COPIL ,A DAT O LECTIE INTELECTUALILOR OBEDIENTI!CATI AU ALES POZITIA VERTICALITATII SI CAT SE GUDURA!!! PENTRU A NU SE AUZI LOVITURA ,BASESCU A DAT DEOPARTE MICROFONUL,NESPERAND CA MAMA MINORULUI SA NU VADA CHIAR NIMIC.ULTERIOR acesta PUTEA VOCIFERA fata de agresiune!Numai ca minorul nu a avut incredere in Basescu cand Basescu a simulat o apropiere de cea in deznadejde,si a fost incordat si nu relaxat !COPILUL NU A FOST PACALIT, posedand al saselea simt.}
    In loc sa strige cum i s-a spus“Traiasca BASESCU”,copilul a strigat “Traiasca ILESCU”!= Acestea sunt cuvintele urate de care vorbeste Roberta Anastase.Copilul tinea minte de la parintii sai,ca in mandatul al doilea al lui Iliescu,cu totii au trait mai bine.

  7. homer Says:

    De Pincipatibus
    Niccolò Machiavelli

    XXI
    Che si conviene a un principe perché sia stimato
    Nessuna cosa fa tanto stimare uno principe, quanto fanno le grandi imprese e dare di sé rari esempli. Noi abbiamo ne’ nostri tempi Ferrando di Aragonia, presente re di Spagna. Costui si può chiamare quasi principe nuovo, perché, d’uno re debole, è diventato per fama e per gloria el primo re de’ Cristiani; e, se considerrete le azioni sua, le troverrete tutte grandissime e qualcuna estraordinaria. Lui nel principio del suo regno assaltò la Granata; e quella impresa fu il fondamento dello stato suo. Prima, e’ la fece ozioso, e sanza sospetto di essere impedito: tenne occupati in quella li animi di quelli baroni di Castiglia, li quali, pensando a quella guerra, non pensavano a innovare; e lui acquistava in quel mezzo reputazione et imperio sopra di loro, che non se ne accorgevano. Possé nutrire con danari della Chiesia e de’ populi eserciti, e fare uno fondamento, con quella guerra lunga, alla milizia sua, la quale lo ha di poi onorato. Oltre a questo, per possere intraprendere maggiori imprese, servendosi sempre della relligione, si volse ad una pietosa crudeltà, cacciando e spogliando, el suo regno, de’ Marrani; né può essere questo esemplo più miserabile né più raro. Assaltò, sotto questo medesimo mantello, l’Affrica; fece l’impresa di Italia; ha ultimamente assaltato la Francia: e cosí sempre ha fatte et ordite cose grandi, le quali sempre hanno tenuto sospesi et ammirati li animi de’ sudditi e occupati nello evento di esse. E sono nate queste sua azioni in modo l’una dall’altra, che non ha dato mai, infra l’una e l’altra, spazio alli uomini di potere quietamente operarli contro.
    Giova ancora assai a uno principe dare di sé esempli rari circa governi di dentro, simili a quelli che si narrano di messer Bernabò da Milano, quando si ha l’occasione di qualcuno che operi qualche cosa estraordinaria, o in bene o in male, nella vita civile, e pigliare uno modo, circa premiarlo o punirlo, di che s’abbia a parlare assai. E sopra tutto uno principe si debbe ingegnare dare di sé in ogni sua azione fama di uomo grande e di uomo eccellente.
    È ancora stimato uno principe, quando elli è vero amico e vero inimico, cioè quando sanza alcuno respetto si scuopre in favore di alcuno contro ad un altro. Il quale partito fia sempre più utile che stare neutrale: perché, se dua potenti tua vicini vengono alle mani, o sono di qualità che, vincendo uno di quelli, tu abbia a temere del vincitore, o no. In qualunque di questi dua casi, ti sarà sempre più utile lo scoprirti e fare buona guerra; perché nel primo caso, se non ti scuopri, sarai sempre preda di chi vince, con piacere e satisfazione di colui che è stato
    vinto, e non hai ragione né cosa alcuna che ti defenda né che ti riceva. Perché, chi vince, non vuole amici sospetti e che non lo aiutino nelle avversità; chi perde, non ti riceve, per non avere tu voluto con le arme in mano correre la fortuna sua.
    Era passato in Grecia Antioco, messovi dalli Etoli per cacciarne Romani. Mandò Antioco ambasciatori alli Achei, che erano amici de’ Romani, a confortarli a stare di mezzo; e da altra parte Romani li persuadevano a pigliare le arme per loro. Venne questa materia a deliberarsi nel concilio delli Achei, dove el legato di Antioco li persuadeva a stare neutrali: a che el legato romano respose: “Quod autem isti dicunt non interponendi vos bello, nihil magis alienum rebus vestris est; sine gratia, sine dignitate, praemium victoris eritis”.
    E sempre interverrà che colui che non è amico ti ricercherà della neutralità, e quello che ti è amico ti richiederà che ti scuopra con le arme. E li principi mal resoluti per fuggire e’ presenti periculi, seguono el più delle volte quella via neutrale, e il più delle volte rovinano. Ma, quando el principe si scuopre gagliardamente in favore d’una parte, se colui con chi tu ti aderisci vince, ancora che sia potente e che tu rimanga a sua discrezione, elli ha teco obligo, e vi è contratto l’amore; e li uomini non sono mai sí disonesti, che con tanto esemplo di ingratitudine ti opprimessino. Di poi, le vittorie non sono mai sí stiette, che il vincitore non abbi ad avere qualche respetto, e massime alla giustizia. Ma, se quello con il quale tu ti aderisci perde, tu se’ ricevuto da lui; e mentre che può ti aiuta, e diventi compagno d’una fortuna che può resurgere. Nel secondo caso, quando quelli che combattono insieme sono di qualità che tu non abbia a temere, tanto è maggiore prudenzia lo aderirsi; perché tu vai alla ruina d’uno con lo aiuto di chi lo doverrebbe salvare, se fussi savio; e, vincendo, rimane a tua discrezione, et è impossibile, con lo aiuto tuo, che non vinca.
    E qui è da notare, che uno principe debbe avvertire di non fare mai compagnia con uno più potente di sé per offendere altri, se non quando la necessità lo stringe, come di sopra si dice; perché, vincendo, rimani suo prigione: e li principi debbono fuggire, quanto possono, lo stare a discrezione di altri. Viniziani si accompagnorono con Francia contro al duca di Milano, e potevono fuggire di non fare quella compagnia; di che ne resultò la ruina loro. Ma, quando non si può fuggirla, come intervenne a’ Fiorentini, quando el papa e Spagna andorono con li eserciti ad assaltare la Lombardia, allora si debba el principe aderire per le ragioni sopradette. Né creda mai alcuno stato potere pigliare partiti securi, anzi pensi di avere a prenderli tutti dubii; perché si truova questo nell’ordine delle cose, che mai non si cerca fuggire uno inconveniente che non si incorra in uno altro; ma la prudenzia consiste in sapere conoscere le qualità delli inconvenienti, e pigliare il men tristo per buono.
    Debbe ancora uno principe monstrarsi amatore delle virtù, et onorare li eccellenti in una arte. Appresso, debbe animare li sua cittadini di potere quietamente esercitare li esercizii loro, e nella mercanzia e nella agricultura, et in ogni altro esercizio delli uomini, e che quello non tema di ornare le sua possessione per timore che le li sieno tolte, e quell’altro di aprire uno traffico per paura delle taglie; ma debbe preparare premi a chi vuol fare queste cose, et a qualunque pensa, in qualunque modo ampliare la sua città o il suo stato. Debbe, oltre a questo, ne’ tempi convenienti dell’anno, tenere occupati e’ populi con le feste e spettaculi. E, perché ogni città è divisa in arte o in tribù, debbe tenere conto di quelle università, raunarsi con loro qualche volta, dare di sé esempli di umanità e di munificenzia, tenendo sempre ferma non di manco la maestà della dignità sua, perché questo non vuole mai mancare in cosa alcuna.
    XXII
    De’ secretarii ch’e’ principi hanno appresso di loro
    Non è di poca importanzia a uno principe la elezione de’ ministri: li quali sono buoni o no, secondo la prudenzia del principe. E la prima coniettura che si fa del cervello d’uno signore, è vedere li uomini che lui ha d’intorno; e quando sono sufficienti e fedeli, sempre si può reputarlo savio, perché ha saputo conoscerli sufficienti e mantenerli fideli. Ma, quando sieno altrimenti, sempre si può fare non buono iudizio di lui; perché el primo errore che fa, lo fa in questa elezione.
    Non era alcuno che conoscessi messer Antonio da Venafro per ministro di Pandolfo Petrucci, principe di Siena che non iudicasse Pandolfo essere valentissimo uomo, avendo quello per suo ministro. E perché sono di tre generazione cervelli, l’uno intende da sé, l’altro discerne quello che altri intende, el terzo non intende né sé né altri, quel primo è eccellentissimo, el secondo eccellente, el terzo inutile, conveniva per tanto di necessità, che, se Pandolfo non era nel primo grado, che fussi nel secondo: perché, ogni volta che uno ha iudicio di conoscere el bene o il male che uno fa e dice, ancora che da sé non abbia invenzione, conosce l’opere triste e le buone del ministro, e quelle esalta e le altre corregge; et il ministro non può sperare di ingannarlo, e mantiensi buono.
    Ma come uno principe possa conoscere el ministro, ci è questo modo che non falla mai. Quando tu vedi el ministro pensare più a sé che a te, e che in tutte le azioni vi ricerca dentro l’utile suo, questo tale cosí fatto mai fia buono ministro, mai te ne potrai fidare: perché quello che ha lo stato d’uno in mano, non debbe pensare mai a sé, ma sempre al principe, e non li ricordare mai cosa che non appartenga a lui. E dall’altro canto, el principe, per mantenerlo buono, debba pensare al ministro, onorandolo, facendolo ricco, obligandoselo, participandoli li onori e carichi; acciò che vegga che non può stare sanza lui, e che li assai onori non li faccino desiderare più onori, le assai ricchezze non li faccino desiderare più ricchezze, li assai carichi li faccino temere le mutazioni. Quando dunque, e’ ministri e li principi circa ministri sono cosí fatti, possono confidare l’uno dell’altro; e quando altrimenti, il fine sempre fia dannoso o per l’uno o per l’altro.

    XXIII
    In che modo si abbino a fuggire li adulatori
    Non voglio lasciare indrieto uno capo importante et uno errore dal quale e’ principi con difficultà si difendano, se non sono prudentissimi, o se non hanno buona elezione. E questi sono li adulatori, delli quali le corti sono piene; perché li uomini si compiacciono tanto nelle cose loro proprie et in modo vi si ingannono, che con difficultà si difendano da questa peste; et a volersene defendere, si porta periculo di non diventare contennendo. Perché non ci è altro modo a guardarsi dalle adulazioni, se non che li uomini intendino che non ti offendino a dirti el vero; ma, quando ciascuno può dirti el vero, ti manca la reverenzia. Per tanto uno principe prudente debbe tenere uno terzo modo, eleggendo nel suo stato uomini savi, e solo a quelli debbe dare libero arbitrio a parlarli la verità, e di quelle cose sole che lui domanda, e non d’altro; ma debbe domandarli d’ogni cosa, e le opinioni loro udire; di poi deliberare da sé, a suo modo; e con questi consigli e con ciascuno di loro portarsi in modo, che ognuno cognosca che quanto più liberamente si parlerà, tanto più li fia accetto: fuora di quelli, non volere udire alcuno, andare drieto alla cosa deliberata, et essere ostinato nelle deliberazioni sua. Chi fa altrimenti, o e’ precipita per li adulatori, o si muta spesso per la variazione de’ pareri: di che ne nasce la poca estimazione sua.
    Io voglio a questo proposito addurre uno esemplo moderno. Pre’ Luca, uomo di Massimiliano presente imperatore, parlando di sua maestà disse come non si consigliava con persona, e non faceva mai di alcuna cosa a suo modo: il che nasceva dal tenere contrario termine al sopradetto. Perché l’imperatore è uomo secreto, non comunica li sua disegni con persona, non ne piglia parere: ma, come nel metterli ad effetto si cominciono a conoscere e scoprire, li cominciono ad essere contradetti da coloro che elli ha d’intorno; e quello, come facile, se ne stoglie. Di qui nasce che quelle cose che fa uno giorno, destrugge l’altro; e che non si intenda mai quello si voglia o disegni fare, e che non si può sopra le sua deliberazioni fondarsi.
    Uno principe, per tanto, debbe consigliarsi sempre, ma quando lui vuole, e non quando vuole altri; anzi debbe tòrre animo a ciascuno di consigliarlo d’alcuna cosa, se non gnene domanda; ma lui debbe bene esser largo domandatore, e di poi circa le cose domandate paziente auditore del vero; anzi, intendendo che alcuno per alcuno respetto non gnene dica, turbarsene. E perché molti esistimano che alcuno principe, il quale dà di sé opinione di prudente, sia cosí tenuto non per sua natura, ma per li buoni consigli che lui ha d’intorno, sanza dubio s’inganna. Perché questa è una regola generale che non falla mai: che uno principe, il quale non sia savio per sé stesso, non può essere consigliato bene, se già a sorte non si rimettessi in uno solo che al tutto lo governassi, che fussi uomo prudentissimo. In questo caso, potria bene essere, ma durerebbe poco, perché quello governatore in breve tempo li torrebbe lo stato; ma, consigliandosi con più d’uno, uno principe che non sia savio non arà mai e’ consigli uniti, non saprà per sé stesso unirli: de’ consiglieri, ciascuno penserà alla proprietà sua; lui non li saprà correggere, né conoscere. E non si possono trovare altrimenti; perché li uomini sempre ti riusciranno tristi, se da una necessità non sono fatti buoni. Però si conclude che li buoni consigli, da qualunque venghino, conviene naschino dalla prudenzia del principe, e non la prudenza del principe da’ buoni consigli.

  8. mihaella1 Says:

    Oana, totul se va decide dupa 06 decembrie! Duminica frumoasa in continuare/!

  9. Claudiu Says:

    Oana, de la Ioana? Cei care sunt performanti, sunt cei care au cititfoarte mult. Va recomand sfaturile Ioanei din ” Nume de cod: Vita de Vie”. – Indemnul la o alta reteta.-

  10. Cristiana Mitroi Says:

    Va doresc o zi buna, v-am gasit absolut intamplator bloggul. Imi aduc aminte ca am avut placerea sa va astept pentru un interviu la Casa presei, acolo unde isi desfasura activitatea revista Monden. Va intreb, aveti nevoie de o jurnalista onesta si pasionata de meserie mai presus de orice? Daca nu, va multumesc pentru timpul pierdut cu lectura acestor randuri. Cu drag, Cristiana!


Lasă un răspuns

Completează mai jos detaliile tale sau dă clic pe un icon pentru a te autentifica:

Logo WordPress.com

Comentezi folosind contul tău WordPress.com. Dezautentificare / Schimbă )

Poză Twitter

Comentezi folosind contul tău Twitter. Dezautentificare / Schimbă )

Fotografie Facebook

Comentezi folosind contul tău Facebook. Dezautentificare / Schimbă )

Fotografie Google+

Comentezi folosind contul tău Google+. Dezautentificare / Schimbă )

Conectare la %s

%d blogeri au apreciat asta: